Audizioni Concorsi Corsi e Masterclasses Insegnanti di Canto
Incisione della prima rappresentazione al Théâtre Italien di Parigi il 3 Gennaio 1843.
Luigi Lablache nel ruolo di Don Pasquale

( ( ( VERBA ) CALZATURE yoox blu-marino d4cb38

( ( ( VERBA ) CALZATURE yoox blu-marino d4cb38Copertina libretto "Don Pasquale", seconda edizione - ERTA Edizioni Radio Teatrali Artistiche - Milano

Dettagli prodotto

Fantasia:
Animalier
Colore:
Blu
Materiale:
Camoscio
Pelle
Stile:
Glamour
Rock
Misura delle scarpe:
41
42
43
44

( VERBA ) CALZATURE
Effetto scamosciato Applicazioni in metallo Logo Tinta unita Punta tonda Senza tacco Interno in pelle Suola di cuoio Contiene parti non tessili di origine animale Calzata ridotta.

Don Pasquale è un'opera buffa in tre Atti di Gaetano Donizetti.
Il libretto scritto da Giovanni Ruffini (anche se firmato da Michele Accursi), è un rifacimento del libretto che Angelo Anelli scrisse nel 1810 per "Ser Marcantonio" di Stefano Pavesi.

La controversia sull'attribuzione del libretto del Don Pasquale può essere definita un "bisticcio politico": Giovanni Ruffini era un mazziniano autentico, una delle anime della "Giovine Italia", esiliato in Francia.
.
Il clima sociale francese in quegli anni era estremamente cosmopolita: il mondo della cultura era in fermento, l'Europa veniva destabilizzata da continue rivoluzioni. Parigi divenne il luogo ideale per l'incontro tra le posizioni politiche e culturali più disparate.
Durante la stesura del Don Pasquale, quella che poteva diventare una lunga e fruttuosa collaborazione tra Ruffini e Donizetti, si trasformò in un calvario per entrambi. Ruffini era pronto a risentirsi per ogni richiesta o cambiamento in corso, richieste dal musicista; Donizetti, d'altra parte, con grande puntiglio faceva rispettare il suo diritto a richiedere nuovi versi, o a rifiutare quelli che non riteneva adatti.
La diatriba finale fu sull'allestimento e i costumi dell'opera: Donizetti voleva per Don Pasquale un allestimento moderno, pur essendo l'opera un rifacimento di un libretto del 1810. Ruffini montò su tutte le furie e rifiutò di firmare il libretto.
A dirimere la bagarre intervenne Michele Accursi (Amico di Donizetti), che propose di apporre le sue iniziali sul libretto.
Per questo motivo, il libretto originale risulta a firma di "M. A.".
Questo stratagemma favorì anche lo stesso Donizetti: in Italia, infatti, mal sarebbe stato accolto un libretto firmato da un esule politico condannato a morte, rifugiatosi in Francia.

Nella tradizione dell'Opera buffa l'opera prende a riferimento i personaggi della Commedia dell'arte. Pasquale è Pantalone, Ernesto è Pierrot, Malatesta è Scapino e Norina è Colombina.

H by HUDSON CALZATURE yoox neri Pelle,MARITAN G CALZATURE yoox neri Pelle,MANUEL RITZ CALZATURE yoox neri PelleBugatti 312299014100 neri PrimaveraEREDI DEL DUCA CALZATURE yoox Pelle,EVEET CALZATURE yoox neri PelleManz ManzFirenze - Scarpe Stringate Uomo grigio Primavera,ROCKPORT CALZATURE yoox marroni Gomma,ROBERTO DELLA CROCE CALZATURE yoox neri Pelle,PANELLA CALZATURE yoox neri Pelle,MALDINI CALZATURE yoox grigio PelleWALLY WALKER CALZATURE yoox marroni Pelle,H by HUDSON CALZATURE yoox neri Pelle,IL CALZOLAIO CALZATURE yoox neri Pelle,AMALFI CALZATURE yoox neri PelleMARC MAY CALZATURE yoox grigio Pelle,BRIMARTS CALZATURE yoox neri Pelle,HARRYKSON® CALZATURE yoox neri Pelle,RICHARD LARS CALZATURE yoox neri Pelle,DOCKSTEPS CALZATURE yoox neri Pelle,DR. MARTENS CALZATURE yoox grigio con tacco( VERBA ) CALZATURE yoox grigioJEROLD WILTON CALZATURE yoox neri Pelle,RICCARDO CARTILLONE CALZATURE yoox neri,MARITAN G CALZATURE yoox neri PelleZOLFO CALZATURE yoox bordeaux PelleAT.P.CO CALZATURE yoox neri Pelle,Ugo Arci - Stringata cristiano-calzature neri Gomma,MALDINI CALZATURE yoox marroni Pelle,MALDINI CALZATURE yoox neri Pelle.

  • Don Pasquale - vecchio celibatario, basso
  • Dottor Malatesta - amico di Don Pasquale e amicissimo di Ernesto, baritono
  • Ernesto - nipote di Don Pasquale, amante corrisposto di Norina, tenore
  • Norina - giovane vedova, soprano
  • Un Notaro - basso
  • Coro di servi e camerieri

L'azione si svolge a Roma, agli inizi dell'Ottocento.

ATTO I
Il vecchio e ricco Don Pasquale, vorrebbe veder sistemato Ernesto, suo nipote e futuro erede. Egli vorrebbe far sposare a suo nipote una ricca e nobile zitella; Ernesto invece è innamorato di Norina, la quale ricambia il sentimento. Norina è una giovane e bella vedova, dalle condizioni economiche modeste.
Don Pasquale decide dunque di diseredare il nipote e di sposarsi egli stesso, così da non lasciare i suoi averi a Ernesto. Chiede dunque al dottor Malatesta di trovargli una moglie.
Il dottor Malatesta, essendo amico stretto di Ernesto, ordisce un piano per aiutare i due giovani innamorati: propone a Don Pasquale di sposare Sofronia, sua sorella, bella fanciulla appena uscita dal convento.
Sapendo che Don Pasquale avrebbe accettato di buon grado la proposta, il dottor Malatesta mette in scena un finto matrimonio, chiedendo a Norina di travestirsi da Sofronia.
Erneso, che nel frattempo è stato cacciato di casa dallo zio, non viene messo a conoscenza del piano.

ATTO II
Appena Ernesto scopre la notizia delle nozze, decide di partire disperato e affranto.
Intanto Don Pasquale incontra Sofronia (Norina travestita) e ne rimane subito invaghito, tanto da voler concordare immediatamente il matrimonio. Il finto notaio Carlo (cugino dello stesso Malatesta) convalida il contratto di nozze, con il quale Don Pasquale cede metà dei suoi bene alla sua giovane moglie.
Subito dopo la firma del contratto, Norina (nei panni di Sofronia) muta atteggiamento: comincia a dilapidare i soldi e a spadroneggiare in casa, rifiutando ogni attenzione rivoltale dal suo neo-marito.

ATTO III
Le spese senza freno di Norina portano Don Pasquale allo sconforto. Oltretutto, Norina gli fa credere di avere un amante. Malatesta richiama Ernesto e lo mette al corrente del piano ordito, chiedendogli di fare la parte dell'amante misterioso di Sofronia.
Ernesto quindi, si ritrova nel giardino dicasa, intento a cantare una serenata alla finta Sofronia. Intanto Don Pasquale osserva la scena insieme a Malatesta. Quando infine Ernesto sparisce nel boschetto del giardino, i due escono allo scoperto e accusano Sofronia/Norina di tradimento.
Ernesto, che nel frattempo si era nascosto, rientra nel giardino di casa dove Don Pasquale lo accoglie a braccia aperte; per far dispetto all'ingrata moglie è disposto a riaccettare in casa suo nipote e acconsente a fargli sposare Norina (cosicchè diventi lei la nuova padrona di casa).
A questo punto gli viene svelato l'inganno. Don Pasquale - visibilmente sollevato - perdona tutti e benedice le nozze tra Ernesto e Norina.

Don Pasquale - Zürich Opera House
Al Teatro alla Scala nel 1994. Tra il cast: Ferruccio Furlanetto, Nuccia Focile, Gregory Kunde, Lucio Gallo e Claudio Giombi

I video sono stati rilasciati da terzi sotto Licenza YouTube standard. Le immagini riportate in questa pagina sono di pubblico dominio salvo ove diversamente specificato.

COMMENTI


Contatti

Iscriviti alla Newsletter

Non perdere neanche una notizia, iscriviti alla newsletter di Cantare l'Opera®!


© Copyright 2018 - Associazione culturale non-profit "Cantare l'Opera"® - C.F.: 97445470582 - P. IVA 11060961007 - All right reserved
E' vietata la riproduzione, anche parziale, di tutti contenuti del sito - Cantare l'Opera è un marchio registrato
Termini e condizioni d'uso Privacy policy Note legali Credits